Selezione lingua
ItalianoInglese
Cerca nel sito
Area riservata
Tot. visite contenuti : 341955
Home Archivio notizie

PostHeaderIcon Dichiarazione di chiusura del triennio 2013-2015 e comunicazione dei candidati al Consiglio Direttivo per il triennio 2016-2018

Cari soci, care socie,
come precedentemente annunciato, nel dicembre del 2015 si è concluso il triennio di esercizio del Consiglio Direttivo della nostra associazione e, contestualmente, il mio mandato di Presidente.
Eviterò gli ovvi ringraziamenti a tutti quelli che hanno contribuito alla vita della associazione in questi tre anni e cercherò di evitare bilanci lunghi e noiosi da leggere, tuttavia un brevissimo elenco delle nostre attività, dei successi ma anche degli insuccessi, voglio farlo e condividerlo con voi prima di dirvi chi sono i candidati per il prossimo triennio.

- Abbiamo iniziato un confronto serrato con tutte le associazioni di area linguistica (in particolare SIG, SLI, GSCP-SLI, DILLE, AITLA e recentemente ASLI) organizzando incontri e convegni congiunti prevalentemente orientati a definire il ruolo della linguistica nel panorama accademico nazionale alla luce della attuale politica della ricerca in Italia; in questo ambito partecipiamo anche alla ricognizione e al censimento degli insegnamenti di area linguistica in Italia;

- oltre alle suddette associazioni abbiamo incontrato a più riprese rappresentanti di altre associazioni affini (in particolare AISC -Scienze Cognitive, AIUCD -  Informatica Umanistica e Cultura Digitale, AILC - Linguistica Computazionale) e stiamo programmando iniziative comuni;

- l'area 10 del CUN ha, un paio di anni fa, organizzato una assemblea di associazioni e consulte. I rappresentanti di area organizzano incontri regolari nei quali si confrontano con questa assemblea su molti temi di politica universitaria e scientifica. L'AISV siede a questo tavolo;

- abbiamo deciso di supportare i giovani soci che intendono partecipare a scuole estive nazionali ed internazionali con dei piccoli contributi economici. Questa attività è già stata programmata anche per il 2016 e verrà associata al nome di Andrea Paoloni in sua memoria.

- L'AISV seguendo l'esempio pionieristico italiano offerto dall'AITLA si costituisce, a partire dal volume che contiene gli atti AISV 2015 di Bologna, come editore di una collana di pubblicazioni che intende essere aggiunta alla lista oggetto di valutazione pubblica (VQR e ASN in primis). L'AISV si è dotata di procedure di selezione delle pubblicazioni consone con le regole consolidate del mondo dell'editoria scientifica. L'AISV si è anche fatta carico di spingere anche le altre, sopra citate, associazioni di area linguistica, a perseguire la stessa strada, in modo da giungere in breve alla creazione di un circuito di sedi nelle quali le pubblicazioni dei soci ricevano il dovuto riconoscimento a fronte del grande sforzo culturale ed organizzativo che la produzione di detti lavori costa agli autori ed alle associazioni che li rappresentano.

- Il numero di soci AISV è in costante crescita, periodicamente avviamo delle campagne di recupero dei soci che non hanno avuto modo di regolarizzare la loro posizione in occasione dei convegni annuali, la situazione economica generale dell'associazione non è floridissima ma ci consente comunque di programmare alcune attività nelle quali investire piccole cifre per supportare nuove iniziative ed investire nel futuro dei nostri soci più giovani.

- L'AISV siede al tavolo del FORUM-TAL e partecipa a tutte le iniziative che il Forum avvia. La recente scomparsa di Andrea Paoloni richiede ora una riorganizzazione del Forum, ma il suo testimone è stato raccolto da Mauro Falcone e nel futuro si troveranno nuove attività da supportare.

Se, da una parte, le attività fin qui descritte corrispondono a "successi" delle attività del gruppo, non mancano, purtroppo, dei punti sui quali l'azione di coordinamento dell'AISV non è stata sufficientemente efficace e per le quali il prossimo consiglio direttivo dovrà trovare nuove strategie di rilancio:

- non siamo riusciti a piazzare un italiano nel board dell'ISCA. Sono anni che ci proviamo, anche quest'anno le candidature di Piero Cosi e Maurizio Omologo non hanno ricevuto un numero sufficiente di preferenze.

- La componente "tecnologica" dell'AISV va assottigliandosi sempre di più: mentre un discreto numero di aziende opera sul territorio nazionale nel settore delle scienze del trattamento automatico del segnale vocale, sono sempre di meno le università in cui questi temi vengono insegnati e i centri di ricerca pubblica su questa disciplina si contano sulle dita di una mano. Inoltre il prestigio di alcuni illustri rappresentanti di questo sparuto gruppo di ricercatori, li spinge a non confrontarsi, o a confrontarsi molto poco, con la realtà nazionale, preferendo invece rivolgere maggiore attenzione le collaborazioni internazionali. Le aziende sopra citate lamentano le poche possibilità di reclutamento di esperti nello "speech engineering" tuttavia sopravvivono soprattutto acquistando tecnologie di terzi e rinunciando, talvolta, ad investire in proprio sia in ricerca che in formazione. Questo problema è sempre stato presente nella nostra comunità, dalla fine degli anni '80 ad oggi il panorama industriale del settore è mutato molte volte, l'AISV e la comunità scientifica nazionale hanno sempre fatto una grande fatica a gestire questi cambiamenti e non sono (ancora) riuscite ad incidere su questa realtà.

Questo è, in sintesi, il bilancio di questi tre anni.

Sia i successi che gli insuccessi sopra elencati non possono non essere considerati come la base di partenza per il lavoro del prossimo Consiglio. Io e tutti gli attuali consiglieri auspichiamo che nel prossimo triennio si possa partire da quanto è stato realizzato in questo, dando continuità al lavoro fin qui svolto, imparando dagli errori e continuando a migliorare, per il bene dell'AISV.

Veniamo al futuro.


Per il prossimo triennio abbiamo otto candidati a far parte del consiglio direttivo che, vi ricordo, è costituito da cinque membri:

SIlvia Calamai - Professore Associato dell’area L-Lin/01 - Università di Siena

Piero Cosi - Primo Ricercatore - CNR di Padova (rieleggibile dopo il primo mandato)

Franco Cutugno - Ricercatore dell’area Inf/01 - Università di Napoli "Federico II" (rieleggibile dopo il primo mandato)

MariaPaola D’Imperio – (PR1 – Equivalente a: ) Professore Ordinario - Aix-Marseille Université (FR)

Pietro Maturi - Professore Associato dell’area L-Fil-Let/12 - Università di Napoli "Federico II"

Stephan Schmid - Ricercatore - Università di Zurigo (CH)

Mario Vayra - Professore Associato dell’area L-Lin/01- Università di Bologna

Enrico Zovato - Ingegnere ricerca e sviluppo Loquendo S.p.A. gruppo Nuance Communications - Torino


Piero Cosi ed il sottoscritto sarebbero, se rieletti, al loro secondo ed ultimo mandato, tutti gli altri eletti saranno al loro primo mandato e quindi, a norma di regolamento, rieleggibili nel triennio successivo. Pietro Maturi ha fatto parte del precedente Consiglio Direttivo in qualità di Tesoriere nominato dal Presidente e senza diritto di voto, quindi a tutti gli effetti, se eletto, sarebbe al primo mandato effettivo e rieleggibile nel triennio successivo.
Come sapete, il nuovo Consiglio, nella prima riunione, nominerà al suo interno il nuovo Presidente e quest'ultimo designerà il Tesoriere.

L'attuale Consiglio Direttivo ha individuato in Pier Luigi Salza il membro AISV più anziano non candidato e, affidandogli in pratica il ruolo di Decano, lo ha incaricato di presiedere un Comitato Elettorale formato da lui e da Vincenzo Galatà, nostro Webmaster. Questo comitato, agendo in totale autonomia, si appresta ad indire le consultazioni che avverranno via internet.

Allo scopo di dare a questo voto una ampia rappresentatività rispetto all’insieme dei soci che partecipano alla vita della nostra associazione, l’attuale Consiglio Direttivo ha stabilito che hanno diritto al voto tutti i soci in regola con l'iscrizione 2014 OPPURE 2015, ma a patto che siano stati attivi almeno due anni negli ultimi sei.

Questi soci, nei prossimi giorni riceveranno l'invito a votare e le istruzioni su come votare utilizzando la procedura messa a disposizione sul nostro sito web.

Coloro che hanno i due anni di iscrizione negli ultimi sei, ma che non sono in regola con le quote 2014 oppure 2015 e desiderano votare, possono recuperare pagando entro la scadenza delle operazioni di voto la quota associativa per il 2015 e comunicando l'avvenuto pagamento a Vincenzo Galatà ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ).

I risultati dovrebbero saranno resi noti qualche giorno prima del convegno di Salerno dove il nuovo consiglio direttivo dell'AISV si insedierà.

Un caro saluto a tutti e grazie per tutta la pazienza che avete avuto con me e con il CD in questo triennio e per essere arrivati in fondo a questo messaggio.

Franco Cutugno