Language selection
ItalianoInglese
Site search
Restricted area
Content View Hits : 447753
Home

PostHeaderIcon Summer School LingTech

Linguistics and Speech Technology: From theory to tools and from tools to theory

Summer School LingTech
(Lecce, Italy, 29 August – 2 September 2022)

The school is addressed to students and young graduates in humanities or in technology who want to get to know the world of speech technology. After an initial part aimed at guaranteeing the necessary linguistic knowledge, participants will first be introduced to the basic tools for analyzing speech (from individual segments to prosodic structures, including dialogic structures), and then to more complex tools to get to machine learning techniques, in particular neural networks. This is intended as an innovative course for students in humanities, because it brings them closer to a technical-scientific approach to language analysis, but also for students of technical-scientific disciplines, because it allows them to understand the specifics of language analysis and the need for linguistic information in the use of technological tools.

The following topics will be addressed

  1. Discussion of the main basic concepts concerning segmental phonetics and phonology as well as prosody, with special attention to interfaces with syntactic and dialogical structures;
  2. Useful tools for speech analysis: Using Praat and investigating segmental and prosodic features;
  3. Forced alignment and its usefulness for segmental and prosodic analysis;
  4. Automatic learning systems and speech analysis: Neural networks - where to find them, how to use them and what limits/errors may be expected;
  5. Neural networks / automatic learning and speech recognition - Cedat 85; Neural networks and dialogue systems.

The summer school will take place at the University of Salento in Lecce, which is a nice small town in Salento (Southern Italy, Apulia), in between the Adriatic and the Ionian (see https://www.italia.it/en/lecce).

Applications for participating in the School will be received in May (call to be published soon) and participants (max. 30) will be selected by mid June. Participants will be partly reimbursed for their expenses.

Further information will be available from this web page.

Last Updated ( Tuesday, 12 April 2022 09:02 )

 

PostHeaderIcon Annuncio Convegno AISV2022

LA POSIZIONE DEL PARLANTE NELL'INTERAZIONE: ATTEGGIAMENTI, INTENZIONI ED EMOZIONI NELLA COMUNICAZIONE VERBALE

XVIII Convegno Nazionale dell’Associazione Italiana di Scienze della Voce (AISV)

Università degli Studi di Napoli "Federico II", 7-8 febbraio 2022

Prima circolare [*.pdf] | sito web

Rinvio Convegno AISV / Postponement AISV Conference

A causa della situazione sanitaria legata al COVID-19, ci troviamo costretti a rimandare il XVIII Convegno AISV, al fine di preservare la possibilità che l'evento si tenga in presenza. L'evento avrà comunque luogo in congiunzione con il Convegno AItLA, allo scopo di facilitare il contatto tra i membri delle due associazioni.

Il convegno si terrà dal 4 al 6 Maggio 2022 a Castel dell'Ovo

Per dettagli e aggiornamenti si rimanda al sito del convegno - http://www.aisv.it/aisv2022/it

Due to the COVID-19 situation, we are forced to postpone the XVIII AISV Conference, in order to preserve the possibility of the event being held in person. The conference will still take place in conjunction with AItLA Conference, with the aim of promoting contacts across the members of the two associations.

The conference has been postponed to May 4th - 6th, 2022 at Castel dell'Ovo

For details and updates see the conference website - http://www.aisv.it/aisv2022/en

Comitato organizzatore

Iolanda Alfano (Università degli Studi di Salerno)
Francesco Cutugno (Università degli Studi di Napoli "Federico II")
Martina Di Bratto (Università degli Studi di Napoli "Federico II")
Maria Di Maro (Università degli Studi di Napoli "Federico II")
Antonio Origlia (Università degli Studi di Napoli "Federico II")
Riccardo Orrico (Università degli Studi di Napoli "Federico II")
Loredana Schettino (Università degli Studi di Salerno)

Contatti

aisv2022 [at] gmail.com

Last Updated ( Monday, 07 March 2022 16:57 )

 

PostHeaderIcon Il vademecum per le fonti orali: una bussola per operatori, ricercatori, istituzioni

Il vademecum per le fonti orali: una bussola per operatori, ricercatori, istituzioni

Roma, 27 ottobre 2021
Collegio Romano, Sala Spadolini, via del Collegio Romano, 27

Disponibile on line il Vademecum per il trattamento delle fonti orali, versione rilasciata il 2 novembre 2021 (link al pdf)

Nella ricorrenza della Giornata mondiale del patrimonio audiovisivo, si presenta il Vademecum per il trattamento delle fonti orali, frutto di un lavoro collettivo durato 30 mesi e di un confronto interdisciplinare che ha coinvolto studiosi e conservatori di diverse generazioni, in rappresentanza dei principali soggetti che in Italia si occupano di archivi orali: il Ministero della Cultura, le università, gli istituti storici della Resistenza e molte delle associazioni impegnate nella ricerca con fonti orali e interessate alla loro tutela.

L’iniziativa aveva avuto inizio con un incontro organizzato nel 2019 presso la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana e si è sviluppato soprattutto con un’intensa attività da remoto alla quale per il Ministero della cultura hanno partecipato: Direzione generale Archivi, Istituto centrale per gli archivi, Istituto centrale per i beni sonori ed audiovisivi, Istituto centrale per il catalogo e la documentazione.

Una prima versione era stata presentata pubblicamente il 27 ottobre 2020 nel seminario telematico Non di sola carta. Prendersi cura degli archivi orali, organizzato dall’Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi. Dopo tale iniziativa, la prima versione del Vademecum è stata sottoposta a una revisione pubblica sino alla fine del gennaio 2021 e successivamente rivista e in parte riscritta alla luce delle osservazioni ricevute. Nel frattempo, l’iniziativa è stata presentata presso scuole di dottorato, convegni, eventi pubblici, associazioni disciplinari e tematiche, riscuotendo interesse e curiosità, soprattutto da parte delle nuove generazioni di ricercatori.

L’iniziativa è promossa da:

Associazione italiana di scienze della voce AISV - Associazione italiana di storia orale AISO - Associazione nazionale Archivistica italiana ANAI - Centro di sonologia computazionale, Università di Padova - CLARIN-IT - Direzione generale archivi DGA - Fondazione ISEC - Istituto centrale per gli archivi ICAR - Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi ICBSA - Istituto centrale per il catalogo e la documentazione ICCD - Istituto centrale per il catalogo unico ICCU - Istituto di linguistica computazionale “A. Zampolli”, CNR - Istituto nazionale Ferruccio Parri - Istituto per la storia delle Resistenza di Pistoia - Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Soprintendenza archivistica e bibliografica del Piemonte e della Val d’Aosta - Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana - Università Ca’ Foscari Venezia - Università degli studi di Siena

 

Last Updated ( Wednesday, 03 November 2021 10:05 )

Read more...

 

PostHeaderIcon Le competenze del Perito Fonico - Proposta di Linee Guida dell’Associazione Italiana di Scienze della Voce (Osservatorio sulla Linguistica Forense)

La linguistica forense

In Italia, così come accade all'estero, le competenze linguistiche sono utilizzate giornalmente nelle aule dei Tribunali, nelle Procure e negli studi legali (penali e civili): i processi sono innanzitutto ‘fatti’ basati sulla lingua, detta, scritta, sintetizzata, trascritta e intercettata. Fonti di prova e prove si sostanziano, alla fine, in forma linguistica (Bellucci 2006). La linguistica forense rappresenta l’ambito di applicazione del sapere, delle conoscenze, delle metodologie della linguistica nel contesto forense. È un settore fortemente inter- e transdisciplinare, dal momento che si situa al crocevia tra linguaggio, crimine e legge. Tuttavia, la maggior parte del lavoro sulla lingua in ambito forense viene condotto da persone senza alcuna preparazione specifica.

Dal momento che la linguistica forense in Italia non è un settore di ricerca molto sviluppato e non rientra in nessun ordinamento didattico o percorso formativo universitario, l’Associazione Italiana di Scienze della Voce (AISV), attraverso l’Osservatorio di Linguistica Forense (OLF), ritiene opportuno vigilare sulla corretta applicazione della linguistica in ambito forense e avviare un processo di riflessione che condurrà all'elaborazione di linee guida condivise con diversi settori disciplinari coinvolti in questa area di ricerca e di applicazione.

Il documento sviluppa pertanto delle proposte che aiutino la magistratura e l'avvocatura nella scelta delle esperte/degli esperti in ambito di trascrizione o in ambito di comparazione fonica delle voci, e che evidenzino le competenze necessarie per poter svolgere su basi scientifiche un’analisi linguistica in ambito forense, a partire dalla trascrizione di una registrazione sonora e dalla comparazione della voce compiuta con metodologia scientifica.

Continua a leggere il documento completo scaricabile qui in formato *.pdf.

 

Elenco delle associazioni che hanno approvato e sottoscritto il documento (elenco aggiornato al 3 ottobre 2019)

  • Associazione Italiana Scienze della Voce (AISV)
  • Società di Linguistica Italiana (SLI)
  • Associazione Italiana di Linguistica Applicata (AItLA)
  • Società Italiana di Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa (DILLE)

Last Updated ( Thursday, 03 October 2019 14:51 )